X

Territorio

Il nostro territorio è ideale per la produzione di olii superbi, di grande corpo e finezza.
terri01

L'Azienda

Il Podere Castagna Alta è situato nei pressi del castello di Coccorano, famoso per essere stato anche dimora di S. Chiara e San Francesco, in una posizione centrale rispetto a Perugia, Assisi e Gubbio, città d’arte conosciute in tutto il mondo.

La proprietà si estende su una superficie di 25 ettari, a un’altitudine compresa fra i 400 e i 600 metri sul livello del mare; i terreni argillosi e calcarei con poca sostanza organica e il clima asciutto e ventilato favoriscono le condizioni ideali per la produzione di olii superbi, di grande corpo e finezza.

Ospitalità

All’interno dell’azienda si trova l’agriturismo Castagna Alta, costituito da antichi casali risalenti al 1700, recentemente ristrutturati utilizzando tecniche e materiali di restauro della tradizione rurale umbra.
Grazie a questo intervento di recupero, dagli antichi casali sono stati ricavati 7 appartamenti, pregevoli per le finiture e dotati di ogni comfort per un soggiorno piacevole e rilassante.
L’ampio e curato giardino e una splendida piscina che domina la valle sottostante permettono agli ospiti un’incantevole vacanza a contatto con la natura.

Vai al sito
terri02
territorio-03

Gli Oliveti

Da sempre vocata alla coltura dell’olivo (in un’antica mappa del ‘700 questi terreni sono evidenziati con la scritta “olivato”), l’area collinare intorno a Podere Castagna Alta annovera 5 ettari di oliveti secolari, 12 ettari di oliveti specializzati, impiantati negli anni ’90, mentre sono in progetto altri 10 ettari di oliveti.

Il terreno argilloso e calcareo e l’esposizione prevalentemente a sud costituiscono una condizione d’eccellenza per l’olivo e in particolare per cultivar autoctone presenti: frantoio, moraiolo, leccino e dolce agogia.

La Potatura

Nel corso dell’annata agraria la potatura degli olivi è sicuramente una delle operazioni più complesse e delicate.
Si effettua a partire dal mese di febbraio, quando la morsa del freddo si alleggerisce e viene affidata a veri e propri esperti che si tramandano il mestiere di padre in figlio.

I “mastri potatori”, armati di scale, forbici e scuri, hanno il compito di eliminare, con sapienti tagli, tutti quei rami inutili alla pianta per  favorire lo sviluppo delle drupe più fruttuose, quelle che produrranno in autunno le migliori olive.

terri04
territorio-05

La Raccolta delle Olive

Un’altra fase molto delicata è quella della raccolta delle olive che si effettua a partire dalla metà di ottobre, quando le olive cambiano di colore e passano dal verde al violaceo.
Questo è il momento giusto e la raccolta va portata a termine nel più breve tempo possibile, avvalendosi di sofisticate attrezzature per raccogliere le olive prima che diventino troppo mature.

Le olive vengono trasportate al frantoio all’interno di casse di plastica forate e molite la sera stessa in modo da poterne trarre tutte le fragranze presenti per produrre un olio di eccellente qualità.

Il Frantoio

Il frantoio, sito all’interno dell’azienda, è stato completamente ristrutturato nel 2008 con un impianto di estrazione di ultima generazione a ciclo continuo.
A dirigere i lavori è stato chiamato l’Architetto Guglielmo Zaroli che è riuscito in maniera magistrale a inserire la nuova struttura nello splendido ambiente circostante.

Oltre all’impianto di estrazione sono stati creati la zona di stoccaggio e il reparto di imbottigliamento per concentrare tutte le fasi di lavorazione nello stesso luogo e garantire, quindi, una filiera di produzione più snella e agevole.

terri06
terri07

Estrazione dell'Olio

Quello dell’estrazione dell’olio è il momento più importante di tutto il precesso. Le olive, prima defogliate e lavate con acqua corrente, per eliminare tutti i corpi estranei, passano nel frangitore che le trasforma in pasta di olive.
Questa entra prima nelle gramole e poi nel decanter che estrae l’olio dalla pasta di olive grazie alla rotazione centrifuga, che, per separare olio, acqua e sansa sfrutta l’altissima velocità e il diverso peso specifico dei vari componenti.
Infine l’olio estratto viene inviato al separatore finale per essere chiarificato e divenire così un prodotto eccellente.
Tutte le fasi di lavorazione sono continuamente monitorate dal computer dell’impianto che garantisce anche il controllo delle temperature di lavorazione, sempre al di sotto dei 24 gradi.

La Conservazione

È all’interno di un caveau che viene stoccato il nostro tesoro, in un ambiente in cui l’olio riposa in attesa di essere imbottigliato.
Qui sono state create tutte le condizioni ottimali per la sua conservazione; innanzitutto l’olio è mantenuto al buio in speciali cisterne di acciaio inox, affinché la luce non determini reazioni chimiche, variando la qualità del prodotto. Per evitare che entri in contatto con l’aria e che si sviluppi una serie di reazioni ossidanti, che ne variano la composizione chimica e ne cambino radicalmente il colore, le cisterne sono collegate a un impianto interno di azoto che assicura l’assenza di ossigeno dallo “spazio di testa” del contenitore.
Inoltre il locale è condizionato in modo da avere una temperatura costante per tutto l’anno compresa tra 12 e 15 gradi, eliminando gli sbalzi termici che provocano cali qualitativi del prodotto.

territorio-08
territorio-09

L'Imbottigliamento

Dopo circa due mesi, l’olio decantato all’interno delle cisterne Ë pronto per essere imbottigliato.
L’imbottigliamento avviene in camera sterile sia per una maggiore garanzia di igiene sia per evitare che corpi estranei possano entrare all’interno delle bottiglie.

È importante sottolineare che l’imbottigliamento viene effettuato al momento dell’ordine, perché il cliente possa usufruire di un prodotto sempre al massimo della qualità.
L’olio viene, inoltre, confezionato in bottiglie di vetro scuro per evitare che la luce lo danneggi.

Umbria.
Un luogo e un olio meraviglioso.

“L’inizio della storia che oggi io e mio fratello possiamo raccontarvi ha origine in un uliveto, quello che tutti i giorni nostro bisnonno curava e che, come prima di lui, faceva suo padre. Il lavoro in campagna anticamente non era un mestiere, era più una fonte di vita, quella necessaria per andare avanti.
Ma nostro bisnonno, Alfonso Priorelli, non era come gli altri. Per noi, per quello che siamo diventati ora, lui è stato un vero illuminato, un uomo di campagna ma anche un pensatore: aveva capito che tutte quelle piante e quella passione che provava nel vederle maturare, potevano essere un mestiere, un sogno, da lasciare alla sua famiglia.
Semplicemente grazie.”

Le nostre linee di prodotti

footer-storia-sx
linea-dx

Resta sempre aggiornato su tutte le novità. Iscriviti alla newsletter!

Iscriviti